Cerca English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
sabato 23 settembre 2017 ..:: HOME ::.. Registrazione  Login
 ACCESSO AL SITO Riduci

 

 

IL SITO E' RIVOLTO UNICAMENTE AGLI STUDENTI ISCRITTI AL CORSO DI

"PROGETTI DI SERVIZI TECNOLOGICI"

PER ACCEDERE OCCORRE RICHIEDERE

NOME UTENTE E PASSWORD

AL TITOLARE DEL CORSO.


 Stampa   
Navigazione Sito
  HOME

 Account Login Riduci


Registrazione
Hai dimenticato la Password ?


 Stampa   
 FINALITA' DEL CORSO Riduci

 

 

UNIVERSITA' DI ROMA LA SAPIENZA – FACOLTA’ DI INGEGNERIA

CORSO EDILE

 

"PROGETTI DI SERVIZI TECNOLOGICI"

PROF. ING. NOZZI PIETRO

 

 

Finalità del corso

 

Il corso di Impianti Tecnici affronta argomenti impiantistici finalizzati alla comprensione approfondita di tutte le tematiche relative agli impianti di riscaldamento e di climatizzazione con nozioni di base anche per gli impianti idrico-sanitari ed antincendio. Il corso consente agli studenti di potere apprendere le tecniche, i fondamenti teorici ed applicativi necessari per il dimensionamento di tutti i principali impianti di riscaldamento e di climatizzazione, delle reti idrauliche per la distribuzione dell’acqua calda e refrigerata, delle reti aerauliche per la distribuzione dell’aria climatizzata, di comprendere ed approfondire le modalità di regolazione di detti impianti, di dimensionare le centrali termiche e frigorifere necessarie alla produzione dei fluidi caldi e refrigerati. Inoltre saranno trattati gli aspetti normativi dal punto di vista antincendio delle più frequenti attività. Le nozioni apprese durante il corso di lezioni ed esercitazioni consentiranno agli studenti di potere affrontare le progettazioni relative all’edilizia con maggiore consapevolezza e conoscenza di tutte le notevoli interferenze che normalmente si presentano fra la progettazione puramente architettonica e gli impianti termotecnici ed il rispetto della normativa antincendio. Tale preparazione permetterà un corretto sviluppo degli architettonici in tutti gli edifici quali, uffici, alberghi, ospedali, centri commerciali, università ecc., ma anche per consentire una competenza che potrà essere finalizzata nell’ambito di un inserimento professionale. Per questo insegnamento si richiede la conoscenza delle nozioni fondamentali apprese nel corso di fisica tecnica ed in particolare relative alla trasmissione del calore in regime permanente, al diagramma psicrometrico e al ciclo delle macchine frigorifere. Per l’apprendimento degli argomenti trattati durante il corso non si richiedono in alcun modo particolari conoscenze teoriche o matematiche, in quanto le poche formule attraverso le quali è possibile dimensionare e progettare tutti gli impianti di riscaldamento e climatizzazione sono estremamente semplici; si richiede invece una certa capacità nell’affrontare le diverse problematiche impiantistiche trattate in modo molto applicativo.

 

 

PROGRAMMA:

 

Il corso verterà sui seguenti argomenti principali:

-          Impianti di riscaldamento

-          Impianti di climatizzazione

-          Impianti idrico-sanitari

-          Impianti e normativa antincendio

 

 

Programma dettagliato del corso:

 

-          Prima parte comprendente il calcolo degli impianti di riscaldamento e richiami e/o approfondimenti del corso di fisica tecnica relativi alla trasmissione di calore in regime permanente e comprendente i seguenti argomenti:

·         Richiami sul benessere termoigrometrico, scambi di calore uomo-ambiente;

·         Trasmissione di calore in regime permanente attraverso l'involucro edilizio per la determinazione dei carichi termici invernali necessari per il dimensionamento dell'impianto di riscaldamento e di climatizzazione invernale;

·         Normative relative ai fini del risparmio energetico;

·         Impianti autonomi con caldaia murale adatta anche per la produzione di acqua calda sanitaria;

·         Dimensionamento degli impianti di riscaldamento centralizzati, calcolo delle reti idrauliche, impianti a colonne montanti, a pavimento del tipo a collettori complanari, monotubo e a pannelli radianti;

·         Calcolo della prevalenza della elettropompa di circolazione, taratura degli impianti di riscaldamento, impianti autoequilibrati del tipo a ritorno rovesciato, calcolo del vaso di espansione di tipo aperto o chiuso, accessori di sicurezza;

·         Normative relative alla sicurezza degli impianti di centrale, regolazione di caldaie funzionanti in parallelo;

 

 

-          Seconda parte comprendente il calcolo degli impianti di climatizzazione e comprendente i seguenti argomenti:

 

·         Calcolo della trasmissione di calore, in regime variabile di temperatura ed in presenza di irraggiamento solare, attraverso pareti opache e pareti vetrate al fine della valutazione dei carichi termici estivi necessari per il  dimensionamento degli impianti di climatizzazione;

·         Uso del diagramma psicrometrico per la determinazione delle trasformazioni e calcoli relativi per le principali apparecchiature presenti negli impianti di climatizzazione: batterie di riscaldamento, batterie di raffreddamento e deumidificazione, miscela di due masse d'aria, umidificatori di tipo adiabatico ed a vapore, deumidificatori di tipo chimico; filtrazione dell'aria;

·         Classificazione generale degli impianti di climatizzazione dal punto di vista energetico sia invernale che estivo, generalità sulle principali tipologie impiantistiche, impianti autonomi o centralizzati, impianti misti ed a tutt'aria, impianti a bassa ed alta velocità;  

·         Impianti misti ad aria primaria e fan-coils o ad induzione del tipo a due o quattro tubi, impianti misti e pannelli radianti; dimensionamento delle unità terminali, delle tubazioni, delle canalizzazioni, delle potenzialità termiche e frigorifere; regolazione automatica degli impianti misti;

·         Impianti a fan coils a sola acqua a due o quattro tubi; dimensionamento di tutte le componenti:

·         Impianti a tutt'aria del tipo monozona: a punto fisso e postriscaldamento, del tipo a controllo diretto dell'umidità relativa, del tipo a by-pass di ricircolo e di miscela, del tipo a controllo diretto sulla batteria di raffreddamento e deumidificazione; dimensionamento della portata dell'aria, delle canalizzazioni, delle potenzialità termica e frigorifera; regolazione automatica degli impianti a tutt'aria monozona; 

·         Impianti a tutt'aria multizona a bassa velocità: con più batterie di pstriscaldamento e con singola batteria di postriscaldamento sia del tipo a punto fisso e postriscaldamento che del tipo a by-pass di miscela; dimensionamento di tutte le componenti e dei sistemi di regolazione automatica;

·          Impianti multizona ad alta velocità: con cassette monocondotto e con cassette doppio condotto; dimensionamento di tutte le componenti;

·         Impianti a tutt'aria a portata variabile; dimensionamento di tutte le componenti e dei sistemi di regolazione automatica;

·         Centrali frigorifere a compressione di vapore e ad assorbimento, pompe di calore, macchine in parallelo, sistemi di recupero del calore, macchine polivalenti adatte per la produzione combinata di acqua calda e refrigerata, torri evaporative; dimensionamento di tutti i componenti di centrale e sistemi di regolazione automatica;

·         Schemi funzionali di sistemi completi comprendenti caldaie, gruppi frigoriferi, unità di trattamento aria, fan-coils. radiatori ecc.; sistemi di regolazione a spillamento o ad iniezione, impianti a portata variabile di acqua calda e/o refrigerata;

·         Dimensionamento delle canalizzazioni dell'aria per impianti a bassa ed alta velocità;

 

-          Terza parte comprendente gli argomenti di base degli impianti idrico-sanitari e comprendente i seguenti argomenti:

·         Dimensionamento delle reti di adduzione dell'acqua fredda e calda negli edifici, calcolo dei bollitori;

·         Sistemi di pressurizzazione dell'acqua, calcolo delle autoclavi;

·         Sistemi di smaltimento delle acque chiare e nere, dimensionamento delle reti fognanti.

 

-           Quarta parte comprendente gli argomenti di base degli  aspetti normativi Antincedio

 

·        Definizioni del D.M. 30-11-1983 e successive;

·        Normative di riferimento per le principali attività soggette al parere dei VV.F.- Attività  DM 16.2.1982 (Centrali termiche, gruppi elettrogeni, alberghi, sale di pubblico spettacolo, musei, grandi magazzini, autorimesse, etc. )

·         Calcolo delle portate e delle reti antincendio; impianti di spegnimento a manichette ed a naspi, impianti di spegnimento automatici a sprinkler;

·         Calcolo dei sistemi di pressurizzazione dell'acqua.

 

-            Esercitazioni  

 

              Sarnno svolte su una base architettonica a scelta dallo studente sia per il progetto impiantistico che antincendio.

 


Syndicate   Stampa   
Copyright (c) 2000-2006   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2017 by DotNetNuke Corporation